Il sottovalutare la consegna dei contenitori e l'associazione RFID Utenza è all'origine di molti insuccessi nella Raccolta Differenziata del Porta a Porta, spinto o parziale


La consegna dei contenitori (rigidi e/o sacchetti) al singolo cittadino rappresenta il momento più delicato del processo organizzativo di una Raccolta Differenziata Porta Porta spinto o parziale in quanto, la non corretta realizzazione di questa attività, può introdurre ritardi nel avviamento del processo ed errori macroscopici nella prima fatturazione; generando così il fastidioso inconveniente delle “bollette pazze”, con conseguente caduta di credibilità e costi indiretti per rimediare al problema.

La consegna non può e non deve essere sottovalutata. E' il momento chiave, non evitabile, dove Utenza e Gestore si incontrano fisicamente. E' il momento durante il quale si possono e si devono chiarire tutti i dubbi (=aggiornamento banca dati) e si deve stabilire il legame biunivoco e certo (=associazione tra codice utenza ed identificativo RFID o Barcode) e, se non disponibili, georefereziare i civici (=posizionarli in mappa).

L'automazione spinta della fase di consegna, così come  è realizzabile tramite i software di I&S, evita il moltiplicarsi dei costi ed elimina alla fonte ogni possibile errore materiale che in seguito non si sa a chi attribuire, stante i diversi passaggi e le figure coinvolte in questo iter. Questa fase della consegna è propedeutica alla Identificazione Certa degli Oggetti contenitori (ICO), in fase di svuotamento del contenitore, dell’utenza di riferimento, stante la necessità di quantificare tramite svuotamenti o pesatura, le quantità prodotte dalle singole utenze.
 



Per una corretta ed economica gestione della raccolta, diventa quindi determinate contenere i costi d'impianto, abbreviare i tempi del processo di attivazione della bolletazione puntuale, ma sopratutto eliminare quasi totalmente il frequente contenzioso della prima fatturazione.

La Suite Row (Rsu on Web) di I&S prevede specifici moduli software, facenti parte della famiglia ORM (Organizzazione Risorse Mobili) e del software DbwRSU, per realizzare i processi sopra descritti. In particolare parliamo di ICO.Server ed i ICO.Palm che può operare  sia in modalità online, quindi collegato in modalità GPRS col Web Server, sia in modalità offline per le situazioni dove la diffusione capillare dell'infrastruttura GSM non è garantita.




Pubblicato su GU del 22/05/17 il nuovo Decreto TARIP
I&S e i Comuni Ricicloni Classifiche Legambiente
Comuni_Ricicloni_2013