0461 402122 9:00 - 12:00 | 14:00 - 17:00
Richiesta informazioni
Contatti
Supporto
Menu

Il DBW cambia veste

News pubblicata il 18 Dicembre 2020
News privata
Ambiente e rifiuti Novità servizi

Un nuovo menu per migliorare la User Experience

Il gestionale DbwRSU compie 15 anni ed è giunta l’ora, dopo diverso tempo, di migliorarne la navigazione ed usabilità.

In tutti questi anni ci siamo accorti di come siano sempre di più le funzionalità ed i moduli disponibili e per questo motivo ci siamo chiesti come migliorare l’accesso alle sezioni. In particolare per coloro che lo strumento non lo usano tutti i giorni in modo e che hanno bisogno di trovare quello di cui hanno bisogno in maniera più intuitiva possibile.

Questi sono i motivi per cui abbiamo realizzato un nuovo menu che verrà rilasciato ai clienti con tutti gli aggiornamenti a partire da febbraio 2021.

Che cosa offre il nuovo menu?

Reputiamo giusto condividere con voi il motivo di questa scelta e le peculiarità del nuovo strumento che siamo certi vi potrà essere utile:

DBW | Ricerca Funzionalità

Ricerca funzionalità

Dal menu ricerca sarà possibile ricercare
le funzionalità e i moduli per parola chiave
(es. fatture) potendo così accedere a
tutte le sezioni in cui il tema viene trattato.

DBW | Salvataggio Preferiti

Salvataggio preferiti

Ogni utente potrà salvare i propri preferiti
personalizzando e velocizzando l’accesso
alle funzioni più utilizzate in base alle
proprie competenze.

DBW | Ordine e Moduli

Ordine e Moduli

Le voci di menu sono state riordinate e
raggruppate per centro di competenza
in modo di garantire una più facile
navigazione e ricerca.

DBW | Gestione Permessi

Gestione permessi

É stata creata una nuova interfaccia per
gli utenti “Administrator” affinché possano
gestire più facilmente i permessi
e i diritti di accesso alle singole voci.

DBW | Ricerca Contratto

Ricerca contratto veloce

Possibilità di ricercare in maniera più
rapida ed intuitiva il contratto
su cui lavorare attraverso il
codice contratto e/o denominazione.

RICHIEDI INFORMAZIONI

I luoghi comuni da sfatare

Ci sono luoghi comuni che frenano l’applicazione della TARIP. I punti chiave del DM TARIP del 2017 sono pochi, chiari e semplici. Quindi passare a Tariffa Corrispettiva costa meno di quanto si creda e conviene a tutti.
La Tariffa Corrispettiva richiede l’adozione di un modello industriale di tipo 4.0. Ci sono Modalità e Tecnologie da utilizzare da cui non si può prescindere.
Oggi è noto dove non si deve sbagliare per ottenere risultati nel breve periodo. In attesa delle disposizioni di ARERA nel campo dei rifiuti come già ha fatto per il GAS e l’Acqua.

Passare alla Tariffa Corrispettiva

Questo documento è frutto di un più che ventennale periodo di approfondimento delle modalità e tecnologie abilitanti. L’applicazione della nuova filosofia di gestione dei rifiuti si concretizza in una metodologia operativa per addebitare il servizio al cittadino applicando criteri “sinallagmatici” e quindi più equi. Di tutto ciò si è iniziato a parlare compiutamente con l’avvento della Legge RONCHI del 1997 quando, per la prima volta, è stato introdotto il concetto “chi più inquina … più paga”. Si tratta di un concetto che può essere coniugato in un’affermazione più vicina al cittadino comune: “chi meno produce … meno paga”. Con la Legge RONCHI è nato, per gli addetti ai lavori, lo slogan “dalla Tassa patrimoniale … alla tariffa Corrispettiva”.

Un manuale d’uso per passare alla Tariffa Corrispettiva

Il lavoro non ha la pretesa di colmare da solo questa mancanza ma di fornire una raccolta ordinata d’informazioni esposte in forma di “Manuale d’USO”. Un Manuale per applicare le Tecnologie Abilitanti che, nel rispetto della definizione di “innovazione combinatoria”, risultano determinati per sviluppare il Processo TARIP sintetizzabile in 4 fasi temporali.  Il Manuale prova a descrivere come sia possibile passare indenni dal Modello di tipo Burocratico della TARI Patrimoniale ad un Modello di tipo Industria 4.0 necessario per la Tariffa Corrispettiva.

Anteprima

 

Scarica Libro