0461 402122 9:00 - 12:00 | 14:00 - 17:00
Richiesta informazioni
Contatti
Supporto
Menu

Messa a terra del PNRR idrico

News pubblicata il 11 Gennaio 2023
acqua articolo cloud PNRR reti Soluzioni

E' tempo di spendere le risorse assegnate ma tempo, burocrazia e mancanza di dati sono il grande nemico

Mai come in questo caso vale il detto “fra il dire e il fare c’è di mezzo il mare”, anche perché il mare in questo caso è costituito da indicazioni che il PNRR ha individuato come strategiche per l’obiettivo della riduzione delle perdite idriche.

Transizione digitale

Siamo al 24° posto su 27 nell’indice DESI (Digital Economy and Society Index 2020). Per recuperare, il PNRR indica la strada del software web-oriented (cloud-first).

Efficienza e qualità

Dobbiamo ridurre la burocrazia (gold plating) ed eliminare gli ostacoli normativi (regulatory sandbox) ma anche e soprattutto le attività di raccolta dati vanno effettuate una sola volta (once only) ed usate da molti.

Cronologia di Startup per i punti 1 e 2 prima del bando di gara dei lavori)

[…]

Per approfondire continua a leggere l’articolo:

 

Articolo pubblicato sulla Rivista Servizi a Rete (n.6 – novembre dicembre 2022)

Alla luce dell’assegnazione dei primi 600 milioni di euro del PNRR idrico M2C4.I4.2 e delle relative graduatorie, con molte domande che non hanno raggiunto il punteggio minimo, si potrebbe desumere che, in molti dei progetti presentati, sia stato sottovalutato il ruolo essenziale di una corretta digitalizzazione degli assets, completi dei relativi dati idraulici e geometrici integrati in un Data Warehouse unico.

Il primo dei 9 punti ammessi a finanziamento, elencati cronologicamente nell’Art.5, rappresenta infatti la base di partenza imprescindibile per affrontare in sequenza quelli successivi, sintetizzati qui di seguito:

1. Rilievo e creazione di un GIS integrato
con un sistema di Asset Management
2. Installazione di strumenti di misura
3. Modellazione della rete

 

[…]

Scenario integrato, cooperativo e profilabile

 

Per approfondire continua a leggere l’articolo:

 

Articolo pubblicato sulla Rivista Servizi a Rete (n.5 – settembre ottobre 2022)

Durante l’ultima settimana di settembre 2022, a distanza di meno di un anno dal trentennale dell’azienda, il quotidiano trentino Il Dolomiti si è occupato di I&S.

 

L’articolo, intitolato “Una software house trentina al servizio delle pubbliche amministrazioni per la gestione digitalizzata della raccolta dei rifiuti porta a porta“, ci vede protagonisti con un breve escursus del percorso ultra-trentennale dell’azienda, attraverso le parole del CEO Pier Luigi Fedrizzi, e uno sguardo verso il futuro a cura del Business & Product Developer, Alessandro Fedrizzi.

Leggi l’articolo online
anteprima articolo mobile

In linea con la tendenza certificata dal rapporto ISPRA 2020 (dati 2019) che vede collocato nel Nord-Est il 60,8% dei 872 comuni d’Italia che applicano la TARIP, anche Ecoambiente SpA di Rovigo, si appresta ad incrementare questa piccola elite (11% dei comuni e 10,8% della popolazione) d’Italia, avendo recentemente avviato il necessario processo organizzativo per introdurre la Tariffa Puntuale nei 50 comuni di competenza che sommano 231.000 abitanti. L’Ente Gestore ha approcciato il problema in modo sistemico, realistico e pragmatico, partendo dal principio
che non ha senso “inventare l’acqua calda” ma è giusto guardarsi intorno, lasciarsi ispirare dalle migliori pratiche adattandole alla propria realtà.

[…]

Veduta di Rovigo, sede di Ecoambiente SpA

 

Per approfondire continua a leggere l’articolo:

Articolo pubblicato sulla Rivista GSA Igiene Urbana (n.3 – luglio settembre 2022)

L’Amministrazione del Comune di Pisticci, 17.000 abitanti per una superficie di 233,67 mq, affacciato sul Mar Ionio, in provincia di Matera, ha avviato l’attività di Ricognizione Digitale del Territorio. Si tratta di una attività finalizzata non solo alla sistemazione della Toponomastica ed ad andare oltre, con la georeferenzazione, alla normativa ANNCSU ma propedeutica e di supporto alla creazione di una banca dati coerente da utilizzare per diversi scopi tra cui anche il nuovo Bando di Gara dei Rifiuti.
È una scelta lungimirante per un Comune del Sud considerando che il Rapporto Annuale di ISPRA 2020 (dati 2019) individua solo 2 Comuni che applicano la Tariffa Puntuale Corrispettiva;

[…]

Comune di Pisticci - sito web

 

 

Per approfondire continua a leggere l’articolo:

 

Articolo pubblicato sulla Rivista GSA Igiene Urbana (n.2 – aprile giugno 2022)

Nel gennaio 2022, AMNU SpA, Azienda nota nel mondo dei Rifiuti in quanto premiata diverse volte negli ultimi 10 anni da Lega Ambiente come 1° Classificata in termini di % differenziata > 80% nella sua Categoria < = 100.000 ab, ha ufficializzato la sua fusione in STET SpA (Ente che gestisce l’Idrico) facendo nascere una unica società denominata AmAmbiente SpA.
La nuova società gestirà la somma dei servizi forniti dalle due realtà (principalmente Rifiuti ed Idrico) per un compendio di 19 Comuni soci, per una popolazione complessiva di 53.000 abitanti che rappresentano poco meno della metà della vicina città di Trento, da cui dista appena 12,3 km, e circa 1/10 del Trentino.

[…]

 

Per approfondire continua a leggere l’articolo:

 

Articolo pubblicato sulla Rivista Servizi a Rete (n.2 – marzo aprile 2022)

La transizione da TARI Tributaria a TARI Corrispettiva (TARIP) prevede un processo organizzativo che può essere gestito da un unico soggetto, Ente Gestore che si occupa anche del servizio, oppure da un connubio pubblico privato dove la parte del servizio viene appaltata.

In quest’ultimo caso tipicamente, all’interno della Filiera Organizzativa l’Ente Pubblico si occupa della Fase 1 (creazione banca dati) e della Fase 4 (Tariffazione e Riscossione) mentre all’Azienda privata sono appaltate la Fase 2 (Distribuzione Contenitori) e Fase 3 (Raccolta e Misurazione).

Le 4 fasi di implementazione della TARIP

Modello Full In-House
Il modello di gestione di tipo “Full In House” è quello dove la Tariffa è nata e cresciuta e si è consolidata negli ultimi 10-15 anni […]

 

Per approfondire continua a leggere l’articolo:

Attualità pubblicata sulla Rivista GSA Igiene Urbana (n.1 – gennaio-marzo 2022)

Nel 2009 il Consorzio Priula chiedeva al Partner Tecnologico I&S di Trento di supportare la propria società operativa Contarina nell’individuazione di un software che le consentisse di assegnare, a un operatore da poco assunto, il servizio di raccolta porta a porta in una zona a lui sconosciuta, per poter consuntivare in automatico il percorso fatto con quello programmato. Da allora sono state analizzate e testate soluzioni proposte da diverse aziende.

La scelta di LeO
Dopo attente analisi, nel 2014 Contarina decide di sviluppare ulteriormente il progetto originale per ottenere un sistema integrato tra l’organizzazione dei percorsi e il controllo georeferito degli svuotamenti, necessario all’applicazione della Tariffa Puntuale. […]

Gestione flotta Contarina - esempio di schermata navigazione assistita

 

 

Per approfondire continua a leggere l’articolo:

 

Articolo pubblicato sulla Rivista GSA Igiene Urbana (n.2 – aprile giugno 2022)

Le analogie

La fornitura dell’acqua e lo smaltimento dei rifiuti sono due servizi che vengono forniti alle stesse utenze (civili domestiche ed industriali non domestiche) che presentano un punto di consegna (PoD, Point of Delivery) ed un punto di prelievo (PuP, Pick-up Point) geograficamente coincidenti. Ne deriva che i due servizi condividono la stessa banca dati per almeno un 80% delle informazioni ed una gestione amministrativa e di bollettazione e riscossione che grazie ad ARERA e alla TARIP, è diventata simile, fatti salvi gli algoritmi di calcolo.

Ciò suggerirebbe una gestione societaria aggregata dei due settori o almeno, nell’ottica degli investimenti PNRR, la realizzazione di attività congiunte e coordinate e non totalmente disgiunte con duplicazioni di spese per le medesime finalità.

[…]

Schema delle analogie fra idrico e rifiuti

 

Per approfondire continua a leggere l’articolo:

Articolo pubblicato sulla Rivista GSA Igiene Urbana (n.1 – gennaio-marzo 2022)

Con l’avvio del PNRR è scattata la corsa per proporsi nella scrittura dei progetti relativi alla Misura M2C1 con scadenza 14.02.2022. Analizzando i punteggi assegnabili si scopre che circa 55/100 Punti (A.2, A.3, A.5) sono indipendenti dalla qualità dei contenuti tecnologi ed organizzativi del progetto; sui restanti 45 punti (A.1, A.4, A.6, A.7) ci si potrà cimentare a scrivere un progetto credibile, sostenibile e cronologicamente realizzabile entro il 2026.
A parte i tempi stretti, emerge come sia difficile esplicitare compiutamente in 2.000 battute le Attività e Forniture previste dai topic a), b), c), d), e) così come, in altre 2.000 battute, descrivere lo Sviluppo Tecnologico. […]

Le parole chiave da considerare

 

 

Per approfondire continua a leggere l’articolo:

 

Articolo pubblicato sulla Rivista GSA Igiene Urbana (n.4 – ottobre- dicembre 2021)